INDICE
 
Associazioni 
Bambini e adolescenti
Biblioteche
Cataloghi 
Case Editrici   
Delinquenza Criminale e Psicopatologica 
Istituzioni 
Psicologia   
Riforme 
Riviste di Criminologia e Psicologia Giuridica 
Scienze Forensi 
Serial Killer


ASSOCIAZIONI
Riportiamo le associazioni e gli istituti che si occupano di Criminologia e di Psicologia Giuridica, in Italia e all'estero:
 
American Academy of Experts in Traumatic Stress
American College of Forensic Psychiatry
American Professional Society on the Abuse of Children, (APSAC)
American Psychology-Law Society (AP-LS)
American Psychological Association
American Society of Criminology
Associazione Italiana Rorschach - AIR
Associazione Ricerca e Sviluppo Sociale - ARES
British Association for the Study and Prevention of Child Abuse & Neglect (BASPCAN)
Canadian Academy of Psychiatry and Law/ L'Académie Canadienne de Psychiatrie et Droit
Centro di Consulenza in Psicologia Giuridica 
Centro Nazionale di Documentazione ed Analisi per l'Infanzia
Gesellschaft für Wissenschaftliche Gerichts- und Rechtspsychologie (GVG)
The Forensic Science Society
International Society for Prevention of Child Abuse and Neglect, (ACNP)
Istituto di Formazione e Ricerca Scientifica - CEIPA
Istituzione Internazionale di Studi Superiori e Ricerche sulla Comunicazione di Massa,(IISSRCM)
Sociedad Española de Psicología de la Violencia (SEPV)
World Society of Victimology
Associazione Italiana Rorschach - AIR
>> torna su 
 
BAMBINI e ADOLESCENTI (La questione minorile)
Viaggio tra i siti che offrono informazioni sui minori
> ADOZIONE
Tra i siti che si occupano di "Adozione", riportiamo:
www.adozioneminori.it patrocinato dal Ministero per la Solidarietà Sociale.
Il sito offre una panoramica dettagliata sul tema adozioni:
legislazioni, tribunali, servizi sociali, associazioni, dibattiti, link a siti istituzionali e a siti internazionali inerenti all'infanzia.
> AFFIDAMENTO FAMILIARE
www.dante.it/affido Sito curato dal Comune di Milano
www.minori.it del Centro di Documantazione e Analisi per l'Infanzia. Sicuramente uno dei siti migliori che si occupano di minori.
www.ancoragenitori.org Sito del Centro Studi Separazioni e Affidamento Minori ( a cura del Dr. Gaetano Giordano)
NOTIZIE dall'ANSA:
ROMA - Affidi familiari troppo lunghi, durano in media 4 anni e mezzo.
La Lombardia la regione col maggior numero di affidi attivati (16,4%). Lo rileva un'indagine. L'affidamento familiare interessa lo 0,1% dei minori italiani (51,4 maschi,48,6 femmine),complessivamente 10.200 bambini (al giugno '99). Per il 6,4% si tratta di bimbi stranieri. L'eta' media è 10 anni e mezzo; in un caso su tre hanno 6-10 anni; poi 14-17anni (26,4%); la fascia 0-2 anni al 4% (ANSA).
> ASSOCIAZIONI ed ENTI per MINORI
Centro Nazionale di Documentazione ed Analisi per l'Infanzia
International Society for Prevention of Child Abuse and Neglect, (ACNP)
Telefono Azzurro
Telefono Arcobaleno
> BAMBINI SCOMPARSI
www.bambiniscomparsi.it Patrocinato dal Ministero dell'Interno, dal Dipartimento della PubblicaSicurezza e dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale, il sito parla in inglese e in italiano. Cliccando sull'icona "alcuni consigli utili" compariranno una serie di consigli fondamentali per la sicurezza dei più piccoli.
> DALL'ESTERO
Il dramma di nascere bambina
> DELINQUENZA MINORILE
"La nascita e l'evoluzione della giustizia minorile"
(a cura di, Chiara Rugi)
La mediazione nell'ambito della giustizia penale minorile:
Commissione Nazionale consultiva e di coordinamento per i rapporti tra le regioni e gli enti locali, l'attività di mediazione nell'ambito della giustizia penale minorile. Linee di indirizzo, Roma febbraio 1999, http://www.giustizia.it/studierapporti/Minorile/rnmd102-mediazione.htm, 1999.
> MEDIAZIONE E GIUSTIZIA RIPARATORIA NEL SISTEMA PENALE ITALIANO
Ministero di Grazia e Giustizia
Analisi dei flussi di utenza dei servizi minorili: 1998-1999
Per maggiori informazioni sulla Giustizia Minorile:
www.diritto.net
www.minori.it
> INTERNET e MINORI
Come proteggere i navigatori meno esperti dai percoli che possono incontrare su Internet.
I bambini che navigano in Internet possono incappare in siti non adatti a loro. Per evitare questi inconvenienti, i due principali browser, o programmi di navigazione, Microsoft  Explorer hanno creato alcuni filtri che precludono i percorsi in rete più rischiosi, proteggendo i bambini dai siti non adatti a loro. Sono stati sviluppati anche altri programmi che permettono di impedire l'apertura di pagine contenenti materiale pornografico, temi violenti, ect.
Per maggiori informazioni vedasi:
www.cybersitter.com
www.netnanny.com
www.cyberpatrol.com
Purtroppo, la "sicurezza assoluta" non esiste
Sono stati progettati MOTORI di RICERCA per giudare i piccoli navigatori unicamente verso siti sicuri:
il più noto è Yahooligans www.yahooligans.com, bel organizzato e ricco di categorie, ma è in lingua inglese.  Di utile interesse è anche il motore di ricerca di Virgilio.
>> torna su
 
BIBLIOTECHE
Biblioteche Italiane di Psicologia
Biblioteche e Librerie on line
>> torna su 
 
CATALOGHI
Cataloghi
The New York Public library
The WWW Virtual Library
U.S. National Library of Medicine
>> torna su 
 
CASE EDITRICI 
Riportiamo le Case Editrici che maggiormente si occupano di Psicologia Applicata e di Psicologia Giuridica: 
CEDAM
CORTINA RAFFAELLO
FRANCO ANGELI
GIUFFRE' EDITORE
EDIZIONI UNIVERSITARIE ROMANE (Eur)
IL MULINO
>> torna su 
 
DELINQUENZA CRIMINALE E PSICOPATOLOGICA 
Delinquenza Criminale e Psicopatologica
(a cura di Santo Di Nuovo - Archivio di  Psicologia e Giustizia) 
>> torna su 
 
ISTITUZIONI
Corte Europea per i Diritti dell'Uomo
Corte Internazionale Giustizia
Garante della Comunicazione
Governo
Ministero di Grazia e Giustizia
Ministero degli Esteri
Nazioni Unite
Parlamento
Palazzo Chigi
Quirinale
Unione delle Camere Penali 
Carabinieri
Guardia di Finanza
Polizia di Stato
>> torna su 
 
PSICOLOGIA
Siti  di Psicologia  
Banche dati bibliografiche di psicologica e discipline affini di libero accesso su Internet: 
Appunti di Psicologia
CEIPA  Istituto di Formazione e Ricerca Scientifica
DIPSI - Dimensione Psicologia
Istituto Italiano Wartegg
Psiconline.it
Psychiatry on Line  (Italia)
Psychoinside
Psychomedia
Società Psicoanalitica Italiana
Università di Bologna Dipartimento di Psicologia 
Lo Psicologo Clinico nei Servizi della Giustizia Minorile

Ordine Nazionale degli Psicologi
 
Ordini Regionali degli Psicologi 
Piemonte
Lombardia 
PA di Bolzano 
PA di Trento 
Veneto 
Friuli Venezia Giulia 
Liguria 
Emilia-Romagna 
Toscana 
Umbria 
Marche 
Lazio 
Abruzzo 
Molise 
Campania 
Puglia 
Basilicata 
Calabria 
Sicilia 
Sardegna
>> torna su 
 
RIFORME
Riforma del Processo Penale 
>> torna su 
 
RIVISTE di Criminologia e Psicologia Giuridica 
(a cura di) Dipartimento di Psicologia - Università di Bologna
American Journal of Forensic Psychiatry 
Bambino invisibile
Behavioral Sciences & the Law British Journal of Criminology
Child Abuse & Neglect
Child Abuse Review
Children & Society
Criminologia.it  
Criminologia.org
Diritto & Famiglia (Testo pieno) 
Expert Evidence Forensische Psychiatrie und Psychotherapie 
International Journal of Law and Psychiatry 
Italian Journal of Clinical Criminology
Journal of Behavioral Profiling
Journal of Clinical Forensic Medicine
Journal of Family Violence
Law and Human Behavior
Law & Psychology Review
Legal and Criminological Psychology
Psicologia e Giustizia (Testo pieno)
Psychology, Public Policy, and Law
Scientific Testimony (Testo pieno) 
>> torna su 
 
SCIENZE FORENSI 
Carpenter's Forensic Science Resources: Forensic Psychology and Psychiatry (Dr. R. Scott Carpenter)
Criminal Justice Links (School of Criminology & Criminal Justice, Florida State University)
Issues in Forensic Psychology ( Dr. Terence W. Campbell, Ph. D.)
Links to Forensic Psychology Sites (Dr.John W. Nichols, M.A.)
E inoltre riportiamo:
ASSOCIAZIONI e SOCIETA' FORENSI:
American Academy of Forensic Sciences (AAFS)
American Board of Forensic Anthropology (ABFA)
American Board of Forensic Odontology (ABFO)
American Board of Forensic Toxicology (ABFT)
American Society of Questioned Document Examiners(ASQDE)
American Society for Testing and Materials (ASTM)
International Association for Identification (IAI)
National Association of Medical Examiners (NAME)
National Center of Forensic Science (NCFS)
National Forensic Science Technology Center (NFSTC)
New Jersey Association of Forensic Scientists (NJAFS)
Society of Forensic Toxicologists (SOFT)
Southern Association of Forensic Science (SAFS)
Wisconsin Association for Identification (WAI)
Scientific Working Group on Drugs (SWGDRUG)
Scientific Working Group on Friction Ridge Analysis, Study and Technology (SWGFAST)
>> torna su 
 
SERIAL-KILLER
Per il caso di "Donato Bilancia", si veda a tale proposito:
www.pol-it.org/ital/bilancia.htm
www.psicologiagiuridica.com
(Rivista On Line Psicologia e Giustizia)
 
Il Caso "Gianfranco Stevanin"
STEVANIN: UN SERIAL KILLER TRAVESTITO DA AGRICOLTORE
VENEZIA, 24 MAG - La vicenda di Gianfranco Stevanin ha inizio quasi casualmente il 16 novembre 1994, dalla denuncia di una tentata aggressione presentata da una prostituta austriaca, Sigrid L., fuggita nei pressi del casello autostradale di Verona. Dalle
perquisizioni nell' automobile e poi nel cascinale di Stevanin escono i primi «reperti» sessuali, foto ma anche taglierini e armi, che fecero sospettare dell'esistenza di un «mostro». Mentre Stevanin veniva condannato a due anni e sei mesi per la tentata
violenza, il 3 luglio 1995 il ritrovamento di un tronco umano nelle campagne veronesi dà
un' ulteriore svolta alle indagini. Pochi mesi dopo iniziano gli scavi attorno al podere di
Terrazzo, ed emergono prima il cadavere di Biljana Pavlovic, in novembre, e un anno  dopo quello ormai imputridito, avvolto nel cellophane, di Claudia Pulejo. Dopo le
scoperte nel casolare degli orrori, Stevanin comincia a collaborare, con amnesie e reticenze. Tra i negativi della sua macchina fotografica si scoprono le foto di una ragazza
austriaca, Roswita Adlassnig, scomparsa nel 1993, e quelle di una ragazza con gravi
lesioni causate da un rapporto erotico «estremo». L' ultima vittima è Blazenka Smoljo,
anch' essa prostituta di origine slava, che Stevanin confessa di aver gettato nell' Adige nel
1994. L' ultimo ritrovamento riguarda una coscia ripescata dall' Adige e ritenuta
compatibile con il tronco femminile trovato nel campo. (ANSA).
Per approfondire l'argomento "SERIAL KILLER" si consulti:
www.omicidiseriali.it
Sito in italiano, che riporta vari approfondimenti critici sul fenomeno dei serial. Inoltre, dispone di un archivio cronologico dei crimini violenti, e di un elenco dei siti nazionali e internazionali che si occupano di omicidi seriali
Siti web in inglese:
Internet Crime Archives
Fedaral Bureau of Investigation (FBI)
APBnews
Sindrome di Alienazione Genitoriale (PAS - Richard Gardner)
(a cura del Centro Documentazione Sindrome di Alienazione Genitoriale e Patologie da Separazione
 
Statistica sugli omicidi in famiglia  (a cura di Eures)
Omicidi in casa, il 27% avviene in camera da letto. E' la casa, nel 62,9% dei casi, il luogo dove si svolgono gli omicidi tra parenti, di questi il 26,9% avviene in camera da letto. Il dato emerge da un'indagine realizzata dall'Istituto di ricerche economiche e sociali, (Eures) sui delitti in famiglia. Nel solo 2000 le vittime di omicidio domestico sono state 213, di cui 13 figli in età prescolare uccisi dai genitori.Secondo l'Eures, oltre il 90% dei delitti in famiglia è compiuto da un solo autore, in età compresa tra i 26 ei 45 anni (36,6% dei casi), l'età cioè nella quale trovano realizzazione la maggior parte delle aspettative di ruolo, interno ed esterno alla famiglia.L'asse critico delle relazioni familiari è quello coniugale, la principale vittima dell'omicidio domestico infatti, è il coniuge, 27,7% dei casi, seguito dall'asse genitori-figli.Colpisce, secondo l'indagine, l'elevato numero di omicidi al nord Italia, le cui cause appaiono 'non determinabili' o attribuibili a un 'raptus' dell'autore; si tratta cioè di esplosioni improvvise per le quali mancano o sono molto flebili le avvisaglie."E' come se in queste regioni - spiegano i ricercatori - nella famiglia in crisi prevalga ancora una eccessiva attenzione all'aspetto privato, 'interno', 'da non condividere', per salvaguardare un'immagine esterna di generale serenità, i cui costi si vanno a sommare a quelli, già molto elevati, del mantenimento di situazioni di profonda insoddisfazione o di crisi".La maggior parte degli omicidi in ambiente domestico avviene per mezzo di armi da fuoco (40,4%) ma sono molto numerosi anche gli omicidi attraverso un'arma da taglio (24,9%) o un corpo contundente come spranghe o bastoni (9,4%)
 
Vicende Giudiziarie di Parricidio
Ripercorriamo la storia di alcune vicende giudiziarie di parricidio, matricidio e di parenticidio, molte delle quali hanno per protagonisti minorenni o ragazzi poco più che ventenni.
13 novembre 1975 (Vercelli)
Doretta Graneris (19 anni) uccide i propri genitori, il fratello di 13 anni e due nonni con l'aiuto del fidanzato Giudo Baldini (22 anni). Condannata all'ergastolo, ha ottenuto la libertà condizionata lo scorso 1° dicembre.
23 luglio 1989 (Roma)
Patrizia Finucci (17 anni) progetta l'omicidio del padre che ostacolava la sua storia con un ragazzo di 23 anni, al quale lascia l'esecuzione materiale del crimine. La ragazza viene condannata in appello a 13 anni, il fidanzato a 16.
4 agosto 1989 (Parma)
Ferdinando Carretta (27 anni) uccide il padre, la madre e il fratello e per anni tiene nascosta la strage. Gli amici e i parenti pensano che la famiglia sia fuggita ai Caraibi. Soltanto nel novembre del 1998 Ferdinando confessa. Viene giudicato incapace di intendere e di volere dalla Corte d'Assise di Parma, che dà mandato per la sua istituzionalizzazione presso un ospedale psichiatrico.
16 aprile 1991 Montecchia di Crosara (Verona)
Pietro Maso (19 anni) uccide i genitori a bastonate con l'aiuto di tre amici (uno dei quali minorenne) per impossessarsi dell'eredità. Dopo la strage, simula un furto e trascorre la notte in discoteca. La sentenza della Cassazione ha confermato definitivamente la condanna di Maso a 30 anni di reclusione; e ai complici maggiorenni 26 anni.
26 marzo 1992 Arma di Taggia (Imperia)
Il fidanzato di Emanuela Del Monte (15 anni), di comune accordo, uccide la madre della ragazza a martellate. Alla ragazza è stata data la messa alla prova,  poi ha ottenuto il perdono giudiziario
26 dicembre 1992 Cerveteri (Roma)
Giovanni Rozzi uccide con l'aiuto di un amico tossicodipendente i genitori, presso la loro abitazione. Rozzi aveva promesso all'amico i gioielli della madre.Confessò di aver ucciso perché era assillato dal padre. E' stato condanato all'ergastolo; il killer, cui la pena venne ridotta a 18 anni, è morto di Aids nel 1995.
15 dicembre 1994 (Teramo)
MasciaTorelli (23 anni) uccide il padre con sei colpi di pistola la notte tra il 15 ed il 16 dicembre 1994. La Corte d'Assise di Teramo l'ha condannata a dieci anni di carcere.
20 luglio 1995 Sestri Levante (Genova)
Carlo Nicolini (26 anni) uccide i genitori a colpi di fucile, poi ne dilania i corpi. Nel settembre 1997 i giudici della Corte d'Appello di Genova confermano la sentenza di primo grado dichiarando Nicolini incapace di intendere e di volere e pericoloso per la società. E' stata prescritta la permanenza in ospedale psichiatrico per almeno 10 anni
21 ottobre 1999 (Genova)
Stefano Diamante (24 anni) uccide la madre a colpi di martello e coltello dopo l'ennesima bugia su i suoi studi: diceva di essere sul punto di laurearsi ma aveva superato soltanto sette esami. L'udienza preliminare si è tenuta lo scorso 19 febbraio: il pm sostiene l'accusa di omicidio premeditato, d'altra parte, la difesa sostiene che Diamante al momento del fatto era incapace di intendere e di volere.
11 febbraio 2001 (Padova)
Paolo Pasimeni (23 anni) massacra di botte il padre, professore universitario, e ne brucia il corpo. Poi ne denuncia la scomparsa. Il movente, ancora una volta, gli studi: il padre aveva scoperto che il figlio aveva falsificato i verbali di alcuni esami.
22 febbraio 2001 Novi Ligure (Alessandria)
Erica De Nardo (16 anni) assieme al fidanzato (Mauro detto Omar 17 anni) uccidono la madre e il fratellino di lei, colpendo ben oltre la ferita mortale (overkilling) con più di 50 coltellate. La vicenda giudiziaria  si è appena aperta.  I giudici stanno ancora vagliando il movente.
>> torna su 

Informativa Cookie

Il sito aipgitalia.org utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari e su come gestirli.

Definizioni

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:
    •    Cookie strettamente necessari. Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito e sono utilizzati per gestire il login e l'accesso alle funzioni riservate del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di lavoro (chiuso il browser vengono cancellati).
    •    Cookie di analisi e prestazioni. Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.
    •    Cookie di profilazione. Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.
    •    

Cookie di terze parti

Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”). Un esempio notevole è rappresentato dalla presenza dei “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.
La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è  disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito  gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics

Google Analytics è un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie"  per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo dei siti web (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report riguardanti le attività sui siti web stessi.  Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/
L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:
https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie “sopravvivono” alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.
Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Gestione dei cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.
La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.
A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.
Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

Back to top